ORDINE DEL GIORNO PER ZOLA PREDOSA

Questo è l'ordine del giorno che è stato presentato a Zola Predosa (BO) il 16 dicembre 2015, che è stato portato e discusso in Commissioni Congiunte e poi votato nel Consiglio Comunale del 17 febbraio 2016, ottenendo i voti dei n.6 Consiglieri dell'opposizione (Movimento 5 Stelle, Forza Italia-Lega, Liste Civiche "Zola Bene Comune" e "Insieme per Zola").

Qui trovate e potete scaricare il documento in formato .doc : 

     
MoVimento 5 Stelle Zola Predosa (BO)

  ORDINE del GIORNO

                                                                            A: Gentilissimo Signor Sindaco                                                                                     Stefano Fiorini
                                                                  A: Presidente del Consiglio Comunale
                                                           Elisabetta Martignoni

OGGETTO:

PROPOSTE CONCRETE E REALIZZABILI PER USCIRE DALLA CRISI E FAVORIRE LO SVILUPPO ECONOMICO E LA CRESCITA.

CONSIDERATO CHE:

·      I governi italiani alternatisi negli anni hanno sottoscritto vincolanti trattati europei che condizionano fortemente e determinano le nostre politiche economiche, tra i quali :
- Trattato sull’Unione Europea (Trattato di Maastricht)
- Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea (Trattato di Lisbona);
- Il Patto di Bilancio Europeo (Patto di stabilità e crescita o Fiscal Compact)
- Modifiche al Trattato di Lisbona inerenti il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES);
·      In questi ultimi anni le amministrazioni comunali italiane, hanno dovuto affrontare enormi problemi di liquidità determinati dal complesso delle azioni governative centrali atte a rispettare i suddetti trattati e in particolare il Patto di Stabilità, trovandosi in grandi difficoltà nella fornitura dei servizi;
·      La spesa annuale dello Stato per interessi sul Debito Pubblico raggiungerà quest'anno la cifra record di quasi 100 mld di euro, pari a circa il 6,2% del Prodotto Interno Lordo, continuando a sottrarre ingenti risorse all'economia reale;
·      Lo Stato Italiano, per rispettare il limite del 3% nel rapporto deficit/PIL, deve quindi avere un surplus di bilancio primario ( prima del pagamento degli interessi ), superiore ad almeno il 3,2% del PIL, ottenuto con aumento delle tasse, riduzione della spesa pubblica e privatizzazioni;
·      Le politiche di austerity, caratterizzate da aumento delle tasse, riduzione della spesa pubblica e privatizzazioni di beni e servizi pubblici, operata negli ultimi 8 anni, non ha mai permesso di raggiungere gli obiettivi previsti di ripresa economica, che sono sempre stati smentiti dalla realtà delle verifiche a consuntivo;
·      L’aver accettato il pareggio di bilancio compromette gli investimenti pubblici finalizzati all’assorbimento della disoccupazione e alla crescita economica, a causa della mancata possibilità dello Stato di alimentare il circuito economico depresso con nuove risorse e nuovi capitali;
·      I diciassette paesi che hanno adottato la moneta unica hanno rinunciato alla possibilità di emissione monetaria da parte dello Stato e contemporaneamente accettato di usare una moneta, l’euro, che non viene più stampata nella quantità necessaria da parte dello Stato, ma deve obbligatoriamente essere chiesta in prestito ai mercati di capitale sul mercato secondario;
·      In virtù degli accordi come il Fiscal Compact lo Stato Italiano dovrà non solo pagare gli interessi sul Debito Pubblico, ma anche abbattere il debito sotto la soglia del 60% in rapporto al PIL, imposizione che necessariamente porterà ad una ulteriore sottrazione di risorse al bilancio statale e di conseguenza anche dei comuni;
·      Le politiche di austerity, hanno ulteriormente generato recessione economica e aumento del debito pubblico che invece si intendeva contrastare ed invertire, riducendo al contempo la realizzazione di piccole e grandi opere necessarie alla comunità, oltre che l'utilizzo di figure professionali socialmente utili;
·      Lo Stato deve tornare a fare politiche monetarie ed economiche, in un periodo di recessione come quello che stiamo attraversando, attraverso una maggiore spesa pubblica a deficit, che comporterebbe una crescita economica tale da produrre un  aumento del PIL, con la conseguente crescita delle entrate fiscali che di fatto annullerebbero l’aumento del debito;
·      Le politiche economiche, fino ad oggi perseguite, hanno favorito la grande finanza speculativa e impoverito i popoli, che ormai corrono il rischio di rigettare l’idea stessa di Europa unita che invece andrebbe salvaguardata;
·     Compito delle amministrazioni comunale è anche farsi portavoce delle istanze dei propri cittadini e sollecitare e promuovere attività e provvedimenti che possano contribuire a creare le condizioni di maggior benessere per tutta la collettività;

IMPEGNA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ZOLA PREDOSA

·      Ad approvare l’invio di una missiva istituzionale per conto del Comune di Zola Predosa (BO), indirizzata al Governo e alla Presidenza della Repubblica, con la quale si chieda espressamente la rinegoziazione in sede europea degli accordi sul Fiscal Compact, del Mes e del Patto di Stabilità, al fine di permettere l'emissione diretta di moneta a favore di Stati, Aziende e cittadini, e non solo per i mercati finanziari.
Chiediamo inoltre che nella stessa missiva si proponga di realizzare alcune riforme concrete e realizzabili fin da subito, che possono consentire politiche monetaria a vantaggio dei cittadini :
·      Istituire un sistema di banche pubbliche che possano ricevere finanziamenti dalla Banca Centrale Europea al tasso d'interesse dello 0,05%, con i quali comprare Titoli di Stato in modo da permettere allo Stato Italiano di emetterli con un basso tasso d'interesse (vicino allo zero, come fanno la Germania con KWF e la Francia con BPI), risparmiando un parte consistente dei quasi 100 mld di euro spesi ogni anno in interessi sul Debito Pubblico. Inoltre le banche pubbliche  locali potranno finanziare direttamente l'economia reale con prestiti agevolati per determinate categorie produttive ed attività che siano ritenute prioritarie per lo sviluppo del paese.
·      Emettere Certificati di Riduzione Fiscale che possono essere utilizzati per ridurre le tasse a due anni dalla loro emissione e che sono negoziabili sui mercati finanziari e bancari, che permetterebbero di rilanciare i consumi e la produzione a tal punto da ottenere aumento del PIL e delle entrate fiscali dopo due anni, tali da compensare le minori entrate causate dal loro utilizzo.
·      Dichiarare i Titoli di Stato utilizzabili per pagare le tasse alla loro scadenza, al valore nominale, in modo da impedire le speculazioni finanziarie al ribasso durante la loro vita, che spesso provocano aumento dello Spread a causa del rischio di non essere rimborsati alla scadenza.
·      Procedere all'acquisto da parte dello Stato Italiano delle quote di partecipazione in Banca d'Italia, in modo da farla tornare completamente pubblica e sotto il controllo del Governo Italiano, per fare in modo che gli utili derivanti dalla gestione del sistema monetario, oltre al possesso delle nostre riserve auree e valutarie, siano solo dello Stato e non di istituzioni private.
·      Destinare le risorse così ottenute solo ed esclusivamente all'economia reale, attraverso : 
- il reddito di cittadinanza e l’abbattimento della dilagante disoccupazione; 
- incentivi allo sviluppo e sgravi di tasse per le piccole e medie aziende;
- il restauro e messa in sicurezza dell’ immenso patrimonio artistico italiano;
- l'ammodernamento delle reti infrastrutturali, eliminando le perdite nelle reti dei sottoservizi;
- la riqualificazione funzionale, impiantistica, energetica e sismica degli immobili pubblici;
- la messa in sicurezza e manutenzione del territorio, riducendo i danni per le calamità naturali.
Grazie

Portavoce MoVimento 5 Stelle
Consiglio Comunale di Zola Predosa (BO)
Luca Nicotri

FIRMA: _____________________________________

Portavoce MoVimento 5 Stelle
Consiglio Comunale di Zola Predosa (BO)
Massimo Taddia

FIRMA: _____________________________________

2 commenti:

  1. Prestito di offerte grave e urgente

    Whatsapp: +33785412231 e la mia e-mail: aserti.microcredit@gmail.com

    Io sono un banchiere in pensione che lavora con il cuore banca. Ho un sacco di soldi nel mio conto e la mia preoccupazione è quella di aiutare le persone non hanno i mezzi per completare il loro progetto, posso aiutare gente seria e onesta, che può rimborsare il prestito in tempo normale. Questo lascerà il compito di lavorare a stretto contatto con le mie procedure notarili utilizzate per eseguire questa transazione. Offro prestiti a breve, medio e lungo da € 3000 a € 800.000 e oltre. Il mio rimborso è fatto con un interesse 2%.
    Quindi, si prega di parlare della quantità di prestito è necessario.

    RispondiElimina
  2. Offerta di finanziamento tra particolare

    Whatsapp: +33785412231 e la mia e-mail: aserti.microcredit@gmail.com

    A seguito di questa crisi Finanziaria che tutte le banche hanno problemi a fare Prets, vi comunico che tale Coalizione nostro investitore è dispongono ti ha concesso pronto tra il 5000 e € 200.000 auto con un capitale di 1 500 . 000 €; Prestiti fanno tra particolare ci permettono di trasformare questo capitale per fruttificare. Tuttavia, un interesse del 2% l'anno, essendo un self Coalizione non vogliamo violare la legge sull'usura. Si può rimborsare oltre 10 anni Massimo .Contatti me via e-mail:
    NB: Solo posta

    RispondiElimina